Dalla cometa 67/P alla Sicilia del 1600

Che cos’hanno in comune la migliore GIF astrofisica degli ultimi anni e un astronomo siciliano del 1600? Tutto quello che leggerete in questo post.

Questa è una delle migliori GIF astrofisiche di sempre: la superficie della cometa 67/P nientepopodimenoche ripresa dalla sonda ESA Rosetta (che poi ha pure sganciato sulla superficie della cometa quel cucciolo di lander che era Philae, il 12 novembre 2014).

Crediti: ESA/Rosetta/landrau

Sembra che ci sia una tormenta di neve sulla cometa, ma in realtà quelle tracce che si vedono sono dovute per la maggior parte alla polvere che riflette la luce del Sole.

E quei puntini sullo sfondo? Beh, quelle sono stelle, davvero. Qualcuno che ha la stessa pazienza di chi mi aspetta in orario a un appuntamento si è messo là a capire quali stelle fossero. Risultato: sono le stelle della costellazione del Cane Maggiore (la costellazione di Sirio).

Poi, bonus storico: avete notato quel puntone luminoso in alto a sinistra che tramonta dietro la cometa (a causa della rotazione della cometa, ndr)? Ecco, quello è un ammasso stellare chiamato NGC2362, ammasso scoperto da Giovanni Battista Hodierna nel 1654.

Giovanni Hodierna (Crediti: Wikimedia)

Hodierna era un astronomo siciliano e anche un prete. In quel di Ragusa, nel 1618 Hodierna osservò tre comete con un cannocchiale simile a quello di Galileo, iniziò a classificare nebulose e ammassi stellari e intrattenne una corrispondenza con Christiaan Huygens (che poi scoprì gli anelli di Saturno, per esempio). Così, per dire.

Una scia verde davanti alla galassia di Andromeda

A volte per i fotografi ci vuole la fortuna con la C maiuscola, vero. Ma quando capita, come in questo caso, la foto è memorabile.

Che cos’è quella striscia verde davanti alla galassia di Andromeda? È una meteora!

Nel 2016 Fritz Helmut Hemmerich (l’autore della foto) è stato fortunato abbastanza da beccare la frazione di secondo giusta in cui passava la meteora. Ma non solo: la bellezza di questa foto è anche nel fatto che ci fa viaggiare nello spazio e nel tempo in un attimo.

La galassia di Andromeda si trova a 2,5 milioni di anni luce di distanza da noi: quindi la luce impiega 2,5 milioni di anni per arrivare da noi, e dunque noi la vediamo in questa foto come era 2,5 milioni di anni fa.
È un’altra galassia a spirale (come la nostra) e si trova al di fuori della Via Lattea.
Tutte le stelle che si vedono attorno ad Andromeda in questa foto, invece, sono stelle che appartengono alla Via Lattea. La nostra Galassia ha dimensioni di circa 100 mila anni luce e quindi le stelle di questa foto molto più vicine a noi rispetto alla galassia di Andromeda.
Le meteore sono le scie luminose che si formano quando dei detriti spaziali cadono sulla Terra e si vaporizzano durante la caduta. La meteora nella foto si è formata sopra le nostre teste, nell’atmosfera della Terra, quindi vicinissimo: l’atmosfera terrestre ha uno spessore di circa un centinaio di km.

In questa foto dunque sono compressi circa 23 miliardi di miliardi di km in prospettiva.
Pensate, diversi fenomeni celesti in 23 miliardi di miliardi di km davanti ai vostri occhi, sul vostro schermo, ora.
Buona visione.

Una galassia e i fiori di zucca

Secondo voi sono più belle le galassie o i fiori di zucca? Nel dubbio qui vi racconto di questa incredibile immagine della galassia M101.

Questa foto astrofisica è pazzesca. Anzi no: questa foto è come un fiore di zucca, con tutte quelle bellissime sfumature di colore. Qui, nella foto, ciascun colore ci parla di differenti fenomeni fisici in atto.

La galassia si chiama M101 e ciò che vedete, in realtà, è una sovrapposizione di diverse immagini ottenute con telescopi diversi.
La parte giallorossa è stata ottenuta con i telescopi spaziali Hubble e Spitzer, che misurano la luce rossa e infrarossa. Le stelle meno calde (3000 °C- 5000 °C), piccole e più avanti con l’età (qualche miliardo di anni) hanno questo colore.
La parte blu è stata ottenuta con i dati del Galaxy Evolution Explorer, che misura la luce blu-ultravioletta. Le stelle molto calde (anche più di 20 mila °C), molto grandi e giovani (qualche centinaio di milione di anni) hanno questo colore.
Poi c’è la parte più scoppiettante, in viola. Sono i dati del telescopio spaziale Chandra, che misura i raggi-X da fenomeni tipo stelle di neutroni, buchi neri e grosse stelle che esplodono. La cosa più interessante è che la distribuzione dell’emissione di raggi-X segue la struttura dei bracci di spirale; questa cosa non deve sorprendere, perché nei bracci abbiamo detto che si formano le stelle più grosse e calde, che sono quelle che esplodono in supernovae e formano poi proprio stelle di neutroni o buchi neri.

Vedete, se osservassimo una galassia solo con la luce visibile anche ai nostri occhi allora ci perderemmo una grandissima quantità di informazioni. Ma il punto non è solo la perdita di informazioni, quanto piuttosto il quadro d’insieme che salta fuori e che dà un senso più compiuto a tutta la fisica in gioco nelle galassie.

Ah, dimenticavo: tutto questo ragionamento l’abbiamo fatto, senza alzare gli occhi dallo smartphone o dal computer, riguardo una galassia a circa 25 milioni di anni luce da noi. La foto che vedete mostra quindi com’era la galassia 25 milioni di anni fa, quando sulla Terra ancora nessuno aveva mai neanche provato non dico a riempirli con la mozzarella, ma proprio neanche provato mai a friggerli, i fiori di zucca. Che brutti tempi quelli, signora mia, non mi ci faccia neanche pensare.