News di astrofisica

1 minuti di letturaScoperti altri nuovi possibili laghi sotto la superficie di Marte

Era già successo nel 2018, e adesso ci risiamo. Grazie al radar MARSIS a bordo della sonda ESA Mars Express un gruppo di ricercatrici e ricercatori hanno scoperto la probabile presenza di altri tre laghi sotto la calotta ghiacciata del polo sud di Marte. La scoperta è stata resa pubblica con un articolo su Nature Astronomy con primo autore l’astrofisico Sebastian Emanuel Lauro.

Le evidenze portate dai dati di MARSIS sembrerebbero quindi indicarci che il potenziale lago sotterraneo d’acqua salata scoperto nel 2018 non è dopotutto un fenomeno isolato. Questo è l’aspetto interessante principale di questa nuova scoperta. Se prima un lago d’acqua sotto il suolo di Marte sembrava un fenomeno eccezzionale, ora appare un fenonemo un po’ più comune. Come mai? Non lo sappiamo, ma è ciò che dovremo scoprire nei prossimi mesi o anni.

Resta anche da capire per bene come sia possibile che a temperature molto basse, come quelle sotto la superficie del polo sud marziano, ci sia acqua liquida. Per ora i dati ci indicano la presenza di acqua con un elevato grado di salinità; tuttavia bisogna capire anche l’origine di questa salinità prima o poi. Al momento non siamo in grado di dire molto e il mistero, per ora, risiede ancora sotto la superficie di Marte.

Infine: è possibile che ci sia vita in questi laghi sotterranei d’acqua salata? Naturalmente non possiamo dirlo. Possiamo però immaginare che potenziali forme di vita sotterranee e acquatiche siano in qualche modo favorite perché protette dalle intemperie sulla superficie di Marte e anche dai raggi cosmici poco filtrati dalla tenue atmosfera marziana. Tuttavia, i potenziali laghi si trovano a circa un kilometro di profondità, quindi anche un’eventuale prossima missione umana avrebbe difficoltà a raggiungere tali profondità.

Del resto, l’idea che ci sia vita sotto la superficie dei mondi del nostro Sistema solare non è peregrina. Cerchiamo prove di questo tipo praticamente ovunque, per esempio su Europa e Encelado, dove sappiamo che esistono non laghi ma interi oceani d’acqua sotto la superficie. Chissà cosa c’è là sotto.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.