2 minuti di letturaUna galassia e i fiori di zucca

Questa foto astrofisica è pazzesca. Anzi no: questa foto è come un fiore di zucca, con tutte quelle bellissime sfumature di colore. Qui, nella foto, ciascun colore ci parla di differenti fenomeni fisici in atto.

La galassia si chiama M101 e ciò che vedete, in realtà, è una sovrapposizione di diverse immagini ottenute con telescopi diversi.
La parte giallorossa è stata ottenuta con i telescopi spaziali Hubble e Spitzer, che misurano la luce rossa e infrarossa. Le stelle meno calde (3000 °C- 5000 °C), piccole e più avanti con l’età (qualche miliardo di anni) hanno questo colore.
La parte blu è stata ottenuta con i dati del Galaxy Evolution Explorer, che misura la luce blu-ultravioletta. Le stelle molto calde (anche più di 20 mila °C), molto grandi e giovani (qualche centinaio di milione di anni) hanno questo colore.
Poi c’è la parte più scoppiettante, in viola. Sono i dati del telescopio spaziale Chandra, che misura i raggi-X da fenomeni tipo stelle di neutroni, buchi neri e grosse stelle che esplodono. La cosa più interessante è che la distribuzione dell’emissione di raggi-X segue la struttura dei bracci di spirale; questa cosa non deve sorprendere, perché nei bracci abbiamo detto che si formano le stelle più grosse e calde, che sono quelle che esplodono in supernovae e formano poi proprio stelle di neutroni o buchi neri.

Vedete, se osservassimo una galassia solo con la luce visibile anche ai nostri occhi allora ci perderemmo una grandissima quantità di informazioni. Ma il punto non è solo la perdita di informazioni, quanto piuttosto il quadro d’insieme che salta fuori e che dà un senso più compiuto a tutta la fisica in gioco nelle galassie.

Ah, dimenticavo: tutto questo ragionamento l’abbiamo fatto, senza alzare gli occhi dallo smartphone o dal computer, riguardo una galassia a circa 25 milioni di anni luce da noi. La foto che vedete mostra quindi com’era la galassia 25 milioni di anni fa, quando sulla Terra ancora nessuno aveva mai neanche provato non dico a riempirli con la mozzarella, ma proprio neanche provato mai a friggerli, i fiori di zucca. Che brutti tempi quelli, signora mia, non mi ci faccia neanche pensare.


Se apprezzi gli articoli di Quantizzando, puoi sostenere il lavoro di questo blog tramite una donazione. Grazie di cuore per il tuo contributo fondamentale!

Per tutti gli ultimi aggiornamenti segui Quantizzando su Telegram.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.