È stata scattata la foto di un esopianeta in formazione2 min di lettura

Gli astrofisici hanno ottenuto l’immagine di un nuovo esopianeta durante la sua formazione attorno a una stella lontana. La scoperta è stata fatta da un gruppo di astrofisici del Max Planck Institute for Astronomy di Heidelberg (Germania) guidati da Miriam Keppler e Andrè Müller (trovate gli articoli scientifici alla fine di questo post).

Ecco, quella palla luminosa è il pianeta che si forma nel disco attorno la stella PDS 70b. La luce della stella (al centro) è stata filtrata per studiare meglio il pianeta. Crediti: ESO/Müller et al.
Dove si trova questo pianeta?

La stella si chiama PDS 70 e il pianeta PDS 70b; i dati sono stati raccolti da diversi strumenti del Very Large Telescope (VLT) dell’ESO, che si trova in Cile.

PDS 70 si trova a 370 anni luce da noi; è una stella giovane, ha quasi 5 milioni di anni (il Sole ha quasi 5 miliardi di anni, per confrontare).
In più, PDS 70 ha una massa poco più piccola di quella del Sole, anche se ha dimensioni poco più grandi di quelle della nostra stella.

Le osservazioni degli astrofisici

Già nel 2002 gli astronomi avevano visto un disco di polvere e gas circondare PDS 70. Infatti, la luce della stella è diversa da quella riflessa da gas e polvere e si riesce a distinguere.
Solo oggi però siamo in grado di guardare, insieme agli astronomi, PDS 70 più in dettaglio e vedere che un pianeta gigante si sta formando.

Ci sono due cose da dire sull’immagine ottenuta dagli astrofisici.

1) Si è misurata anche la luce polarizzata, cioé quella luce che oscilla in una direzione preferenziale. La luce delle stelle non è polarizzata, ma invece è polarizzata la luce riflessa dai grani di polvere e dal gas attorno alla stella. Così si è studiato il sistema PDS 70.

2) Per guardare meglio il pianeta che si sta formando nel disco di gas e polveri attorno a PDS 70 si è fatta una cosa semplice: si è messo un filtro per oscurare la luce della stella. In questo modo si può osservare meglio cosa c’è attorno alla stella, e quindi il pianeta PDS 70b.

Forse su PDS 70b ci sono le nuvole

PDS 70b si trova a circa 3 miliardi di km dalla sua stella. Per confronto, la Terra si trova a 150 milioni di km dal Sole. Quindi PDS 70b dista dalla sua stella circa 20 volte la distanza che separa la Terra dal Sole.

Comunque, malgrado ciò, non fa proprio freddo su PDS 70b: questo pianeta si trova in un disco pieno di roba ed è continuamente colpito da materiale. Così il pianeta si scalda e ha una temperatura stimata tra 1150 °C e 1350°C. Questo è il motivo per cui osserviamo il pianeta di PDS 70 con telescopi che osservano negli infrarossi: ogni corpo con una certa temperatura emette luce a una precisa lunghezza d’onda, e nel caso della temperatura del pianeta di PDS 70 siamo nell’infrarosso come luce emessa. Non solo: i modelli usati per riprodurre le caratteristiche del pianeta suggeriscono la presenza di nuvole su PDS 70b.

Che dire, gli astrofisici sono persone semplici, appena possono si mettono a fare previsioni meteo su un mondo distante qualche miliardo di miliardo di km dalla Terra. Tutto OK, insomma.

_

Link alla rassegna stampa dell’ESO: https://www.eso.org/public/news/eso1821/

Link agli articoli scientifici: https://www.eso.org/public/archives/releases/sciencepapers/eso1821/eso1821b.pdf