Iridium flare e ISS

Quando osserviamo il cielo di notte, oltre alle meravigliose stelle, pianeti e oggetti del profondo cielo e magari in una splendida notte senza Luna anche la galassia di Andromeda è possibile osservare i satelliti artificiali.
Probabilmente il più interessante satellite da osservare è la stazione spaziale internazionale (ISS) in quanto si tratta di un satellite con equipaggio a bordo (massimo 6 persone) e quindi pensare che altri esseri umani stiano sorvolando il nostro cielo ci permette di ammirare ancora una volta di più lo splendore della voglia di fare ricerca scientifica del genere umano.

Ma non solo ISS. Un’altra classe molto interessante di satelliti da osservare è quella dei satelliti Iridium.
Ho trovato una fantastica descrizione riguardo questi satelliti sul sito dell’Unione degli Astrofili Italiani e che potete trovare qui.

Mi limito perciò a riassumere (in parole povere, ovviamente!) la splendida spiegazione dell’UAI: i satelliti Iridium sono dei satelliti per le telecomunicazioni. La cosa importante per noi è che essi hanno delle antenne con un alto potere riflettente. Quando il Sole colpisce queste antenne un raggio di luce illumina una striscia di Terra. Dunque se si ha la “fortuna” di trovarsi nella zona in cui passa il satellite Iridium allora si riesce ad osservare un improvviso e luminosissimo bagliore di luce nel cielo.

Vi assicuro che è uno spettacolo assoluto, anche se di pochi secondi di durata.

Per avere le indicazioni di dove guardare dalla vostra città consiglio caldamente di visitare il sito di Heavens Above (http://www.heavens-above.com/) e inserire la vostra posizione per sapere in che porzione di cielo e a che ora guardare.
Mentre per la ISS la visibilità del passaggio é buona per una buona parte del nostro territorio, per gli Iridium flare la situazione è diversa perché, come detto, l’avvistamento migliore si ha quando il satellite passa proprio sopra la propria testa. Comunque, per questo consiglio di dare un’occhiata al sito di Heavens Above per quanto riguarda la propria località.

Naso all’insù, mi raccomando!

  • M.

    Ciao Sandro, segnalo anche un paio di App sia per Android che per iOS rigorosamente gratis 🙂

    Allora per Android questa secondo me è la migliore sia per la ISS che per gli Iridium: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.runar.issdetector

    Mentre per iOS questa, che se non ricordo male segnala solo la ISS: https://itunes.apple.com/it/app/iss-finder/id670637083?mt=8

    PS:
    approfitto di questo commento per farti i miei complimenti per Quantizzando! È da un po'' che ti seguo in modalità silenziosa ma questo non significa che non apprezzi il tuo lavoro, anzi! 😉

  • Ciao M.
    Grazie mille per l'informazione tra l'altro, lasciamelo dire, assolutamente essenziale e che io, sbadatamente, avevo dimenticato di fornire ai lettori.

    Grazie ancora e grazie infinite anche per i complimenti, fa sempre piacere avere il parere dei lettori su questo (ancora giovane) blog! 😀

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: