Vulcani su Io

L’universo, l’abbiamo detto più volte, è fantastico. Ci sono tante cose che conosciamo e che abbiamo imparato tramite il metodo scientifico ma anche tanti misteri che ancora stiamo investigando.

Oltretutto non sempre c’è bisogno di andare lontano ad osservare le altre galassie dell’universo. A volte basta guardare nel nostro sistema solare per trovare delle meraviglie assolute.

C’è una luna di Giove con un nome particolare: Io.
Il perché di questo nome si trova nella mitologia in quanto Io era il nome di una delle amanti di Zeus ovvero di Giove. Ma questa osservazione, per noi, ha davvero scarso interesse.
Quello che davvero ci interessa sono altri fatti. Io è, tra i satelliti di Giove, quello più vicino al gigante pianeta gassoso.

Ed è pieno di vulcani!

Visto così, questo satellite assomiglia ad una enorme spugna cosmica. In realtà Io appare così perché è pieno di vulcani, come già detto. Questi vulcani rappresentano i punti più caldi del sistema solare con temperature pari a circa 1500 gradi Celsius. Tuttavia le temperature sulla superficie di Io non sono proprio da villeggiatura: parliamo di diversi gradi sotto lo zero.

Perché un post su Io? Perché uno scopre che c’è un posto lontano pieno di vulcani e subito si chiede il perché di questa forte attività geologica.
La risposta: le maree sono le protagoniste. Però, a differenza di ciò a cui siamo abituati a pensare, in questo caso non abbiamo un innalzamento del livello degli oceani dovuto alla forza esercitata dalla Luna sulla Terra.
Su Io non ci sono mari ma la forza mareale di Giove viene esercitata sul satellite stesso provocando una sorta di rigonfiamento lungo l’equatore di Io. Mentre Io orbita attorno a Giove la crosta del satellite viene sollecitata parecchio dalle forze mareali. Come risultato l’interno di Io viene fortemente riscaldata e abbiamo le intense eruzioni vulcaniche oggetto di questo post.

Fin qua tutto sembrerebbe una curiosità scientifica a cui abbiamo dato una spiegazione. Ma c’è qualcosa di più che dovrebbe coinvolgerci dal punto di vista umano. La bellezza scientifica, intesa come possibilità di osservare fenomeni fisici, è tutta nel fatto che è possibile effettivamente vedere un’eruzione vulcanica su Io. Il video che vi propongo è stato ripreso dalla sonda New Horizon (che, per inciso, tra meno di un anno ci fornirà delle immagine di Plutone!):

E dunque, ancora una volta ci troviamo ad ammirare la bellezza, la forza e anche le eccezionali condizioni ambientali di alcuni posti del nostro universo che si trovano non molto distanti da casa nostra.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: