Osservare un buco nero

Finalmente siamo arrivati a parlare di questo argomento anche su Quantizzando. Dunque, la mia idea non è proprio spiegarvi cos’è un buco nero. Piuttosto vorrei farvi capire perché riteniamo ci sia un buco nero al centro della nostra Galassia (e anche delle altre di galassie).

Per capire cos’è un buco nero bisogna scomodare la teoria della Relatività Generale. Comunque, ovviamente, noi non lo faremo in questo blog, dato che non usiamo nemmeno la più semplice delle formule matematiche. Cercherò di metterla, come al solito, in termini davvero semplici.

Io la vedrei così, la faccenda. Un buco nero è la risposta ad una precisa domanda: cosa accade se la materia collassa su se stessa fino a comprimersi in un oggetto davvero di dimensioni infinitesime?

Ecco, appunto, la risposta è un buco nero. Potete ben capire che la situazione non è così semplice. Stiamo parlando di un regime fisico che non sperimentiamo quotidianamente e quindi non abbiamo il benché minimo senso di immaginazione di come le cose possano andare. Ma abbiamo una teoria che descrive questa situazione e questa teoria è la teoria della Relatività Generale sviluppata da Albert Einstein nei primi decenni del secolo scorso.

La domanda successiva da porsi è: come possiamo osservare un buco nero? Questa è una domanda super-intelligente! Infatti ci sarà un motivo per cui si chiama nero, giusto?

Il motivo è che la forza di gravità esercitata da un buco nero è così forte che nemmeno la luce (o se volete le onde elettromagnetiche o se volete i fotoni) può sfuggire. Cosa vuol dire?

Immaginiamo di voler lanciare una pallina sulla Luna dal terrazzo di casa. Ah-Ah-Ah, direte voi, ridendo allegramente dello sprovveduto che proverebbe a fare una cosa del genere. E avete ragione (in parte). Il punto è che noi possiamo in principio mandare una pallina sulla Luna dal nostro terrazzo a patto, però, che la velocità della pallina sia abbastanza grande tale che la pallina non venga tirata di nuovo giù sulla Terra.

In realtà la pallina, durante il suo viaggio verso l’alto, sente sempre la forza di gravità della Terra. Se non ci fosse la gravità e noi lanciassimo una pallina verso l’alto con una certa velocità, allora la pallina manterrebbe la sua velocità per sempre (escludiamo ogni tipo di interazione con l’aria che pure è importante). Se, al contrario, abbiamo la Terra che tira durante tutto il viaggio aereo della pallina, il risultato finale è che la pallina, praticamente, rallenta.

Rallenta che ti rallenta, ad un certo punto la velocità della pallina che punta verso la Luna sarà zero. E cosa accade a quel punto? Beh, l’unica forza rimasta è quella della Terra che tira giù con la sua gravità. E dunque, inesorabilmente, la pallina ricade a Terra.

Ma questa, ordunque, è una sfida! Basta mandare la pallina con una velocità abbastanza alta tale per cui non assumerebbe mai il valore zero a causa della gravità terrestre. E dunque magari ci vorrebbe un razzo potente e così via, eccetera, eccetera.

Questo concetto fisico si chiama velocità di fuga. Si tratta della velocità che un oggetto deve avere per sfuggire alla gravità di un altro ed è una cosa facile da calcolare. In principio la forza di gravità agisce fino ad una distanza infinita, quindi non avremo mai un punto in cui l’oggetto è “libero”. Però possiamo calcolare la velocità iniziale di lancio che un oggetto (la nostra pallina) dovrebbe avere per fare in modo che quel processo che abbiamo descritto prima del rallentamento avvengano lontanissimo. Cioè la velocità di fuga è la velocità iniziale necessaria per fare in modo che la pallina raggiunga una velocità pari a zero solo quando si trova ad una distanza infinita.

Non lasciatevi confondere dalla parola “infinito”. Si tratta di un modo matematico di dire “distanza moooooolto grande”. Quanto grande? Grande abbastanza per cui la forza di gravità della Terra diventi trascurabile, tutto qua. Questo è uno dei motivi per cui si usa la matematica, rende le cose più semplici, checchesenedica!

Per il nostro pianeta, la velocità di fuga, cioè quella necessaria a sfuggire dalla gravità terrestre (scusate se lo ripeto mille volte, ma voglio sia chiaro!) è di circa 11 chilometri al secondo ovvero 40 mila chilometri orari. Quindi, in sostanza, scordatevi di comprare una Ferrari e di lanciarvi nello spazio, non ce la fareste!

Ma torniamo al buco nero. Tutto sommato abbiamo un oggetto con una certa massa e quindi avrà anch’esso una velocità di fuga. Ebbene, per un buco nero, tale velocità è maggiore di quella della luce!
Piccola nota: il concetto è questo, poi bisognerebbe spiegare che esiste il concetto di orizzonte, ma per il momento lasciamo perdere, fate finta di non aver mai letto questa nota che…si auto-distruggerà in 5..4..3..2..1..sto scherzando ovviamente!

Ora, questo, detto così, non è un enorme problema. La luce viaggia a 300 mila chilometri al secondo, quindi basta superare tale velocità. Ehm, cari lettori di Quantizzando, non è così semplice: ci vuole un’energia (o, equivalentemente, una massa) praticamente infinita (ancora: mooooooooooooooolto grande!). Potete leggere qualche altro dettaglio qui.

Tuttavia questo non vieta che esistano cose che viaggino più veloci della luce. Certo, alcuni concetti usuali a noi comuni mortali (come il concetto di causa-effetto, ad esempio) verrebbero stravolti. Comunque magari (anche) di questo ne parliamo un’altra volta.

Dunque la luce, nonostante la sua alta velocità, non può sfuggire alla gravità di un buco nero.
E quindi ecco perché un buco nero è, appunto, nero. Con nessun telescopio si ha la possibilità di osservare un buco nero direttamente.

Tuttavia non scoraggiatevi. Dei buchi neri se ne parla quasi ogni giorno quindi qualche maniera per studiarli esiste. E infatti è proprio così.

Come abbiamo già detto, il buco nero non permette alla luce di uscire ma esso ha comunque una massa. Avere una massa vuol dire esercitare una forza di gravità. E quindi se c’è qualcosa nei pressi di un buco nero allora quel qualcosa inizierà a sentire tale forza.

Per esempio se potessimo togliere il Sole e mettere al suo posto un buco nero della stessa massa del Sole, la Terra continuerebbe a orbitare come al solito. Per inciso, il Sole non diventerà mai un buco nero perché questo accade solo alle stelle molto massive.

Dunque usiamo la gravità! Questo è proprio il metodo con cui è stato scoperto o, se volete, osservato il buco nero al centro della nostra Galassia.

Non ci credete? Allora ecco un po’ di dati/fatti osservativi. Gli astrofisici hanno osservato il moto delle stelle attorno al centro della Via Lattea per un po’ di tempo. Eccoli qua:

 
Queste sono osservazioni vere, eh!
Allora, vediamo un po’…perché questa è la pistola fumante che indirizza gli astrofisici ad affermare l’esistenza di un buco nero al centro della Via Lattea?
Perché le stelle sembrano orbitare attorno ad un punto particolare e inoltre una delle stelle (come si può vedere alla fine del breve filmato) addirittura chiude un’orbita. Questo permette di calcolare tutti i parametri del sistema e di trovare la somma totale delle masse della stella e dello sconosciuto oggetto al centro, per esempio. Ebbene, si trova una somma delle masse pari a qualche milione di volte quella del Sole. Ma siccome una stella, bene che va può avere una massa di circa un centinaio di volte quella del Sole allora l’unico altro oggetto che possiamo trovare compatibilmente con le dimensioni spaziali del sistema può essere solo un buco nero supermassivo.
Supermassivo? Ecco, il punto è che i buchi neri si possono formare dalla morte di una stella. Ma, come già detto, una stella può raggiungere al massimo un centinaio di masse solari e quindi ci aspetteremmo un buco nero con una massa più o meno di quell’ordine di grandezza. Però, al centro della galassia sembrerebbe esserci un buco nero di qualche milione di masse solari. Qualche milione! Cioè vuol dire che in uno spazio molto compresso ci devono essere una massa pari a quella di qualche milione di stelle come il Sole. Ecco perché l’unica possibilità è un buco nero. Solo questo tipo di oggetti permette che ci sia così tanta massa in uno spazio ristretto.
Comunque, questa non è la fine della storia.  Ci sono molte galassie che hanno una parte centrale attiva (ecco il post di Quantizzando dove ne parlavamo), dove attiva vuol dire che generano una notevole emissione di energia a diverse frequenze elettromagnetiche come, per esempio, onde radio e raggi-x. Da dove viene questa energia? Cos’è il motore del meccanismo che produce questa enorme emissione? Non c’è verso: allo stato attuale della nostra conoscenza, deve trattarsi di un buco nero.
Dunque sembra che quasi tutte le galassie ospitino un buco nero centrale supermassivo. Alcuni attivi altri no. Comunque sembra essere un qualcosa di molto profondo dal punto di vista dei processi di formazione ed evoluzione delle galassie e quindi si tratta di una serie di fenomeni che vanno studiati mooooolto attentamente!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: